Malatesta, ass.cult presenta
con il Patrocinio di
Forum Austriaco di Cultura in Italia
Residenza Produttiva Carrozzerie n.o.t

DUET
Quanti siamo davvero
quando siamo noi due?

Uno spettacolo di
Dante Antonelli / collettivo SCHLAB

Vincitore odiolestate 2015, Carrozzerie n.o.t.
Selezionato Festival Trasparenze 2017

direzione. Dante Antonelli con. Valentina Beotti, Enrico Roccaforte drammaturgia. Collettivo SCHLAB ambiente sonoro. Samuele Cestola ambiente scenico. Francesco Tasselli costumi. Caludia Palomba aiuto. Domenico Casamassima coordinamento. Annamaria Pompili ufficio stampa. Marta Scandorza illustrazione. Serena Schinaia foto. Giorgio Termini

Due attori, uomo e donna, attraversano il percorso alcolico delirante delle quattro coppie che strutturano il lavoro originale di Werner Schwab in Sovrappeso, Insignificante: Informe - una cena europea per realizzare una riscrittura radicale del dramma in funzione di una performance sulla molteplicità degli stati dell'essere in una coppia.

Una coppia per tutte le coppie, una storia che dura da secoli e affonda nella storia, una drammaturgia basata sul cannibalismo che Schwab mette in scena nel suo lavoro come perifrasi definitiva: sentimenti, desideri e speranze affondano disperati nel fondo di una bottiglia sempre piena sul tavolino di un bar nella provincia più sperduta della volgarità nazionalista. Il paesaggio naturale attorno è solo una cartolina necessaria ai turisti, avventori di turno: gli spettatori di DUET - Quanti siamo davvero quando siamo noi due? -, accomodati di fronte alla tragica scomparsa della possibilità di essere due.
DUET eʼ la storia di due sottomondi che cercano di essere uno, un gioco di sopravvivenza alla carneficina, al massacro dellʼesistenza, alla catastrofe imminente, che va a scoprire quello che di sepolto cʼè nella loro storia, nella storia europea: definire unʼ Unione significa in primis riconoscere la separazione delle parti. Una coppia che si celebra con il cibo, reprimendo il desiderio di mangiare l'altro. Una coppia europea con un passato ingombrante e un presente soppresso dall'impossibilità di avere un'unione totale.